NUOVI TEST PER RILEVARE IL COVID-19 SULLE SUPERFICI

Test ambientali: un piccolo-grande passo in avanti nel contrasto alla diffusione di questo nuovo coronavirus.
 

In un nostro precedente articolo (leggi qui) abbiamo cercato di spiegare cosa sia la sanificazione, quali siano le differenze tra pulizia, disinfezione, sanificazione e come venga controllata mediante tamponi superficiali.  

L’argomento è rimasto di grande attualità anche dopo l’uscita delle Linee Guida “Protocollo condiviso di regolamentazione delle misure per il contrasto e il contenimento della diffusione del virus Covid-19 negli ambienti di lavoro” del 14 marzo 2020 (leggi anche qui), e del successivo aggiornamento del protocollo del 24 aprile 2020, che stabiliscono che la sanificazione e l’igienizzazione dei locali, dei mezzi di trasporto e dei mezzi di lavoro debba essere appropriata e frequente.

Le autorità stanno chiedendo a tutte le aziende, di qualunque settore produttivo, di valutare il rischio biologico da Covid-19. Oltre alla sanificazione straordinaria/ordinaria che le aziende erano tenute a fare già in fase di lockdown, è stata richiesta una ancor maggiore attenzione con la ripresa lavorativa ed è consigliabile monitorare periodicamente la presenza o meno di agenti microbiologici nelle proprie sedi di lavoro.

 

Ma tavoli, maniglie, scrivanie, nastri di lavorazione potrebbero nascondere delle insidie?
Con il passare dei giorni la conoscenza del SARS-COV-2 diventa sempre più approfondita e alcuni recenti studi sperimentali ci mettono in guardia sulla resistenza del virus non solo negli esseri viventi ma anche nell’ambiente. Covid-19 sarebbe infatti in grado di sopravvivere sulle superfici per lunghi periodi di tempo.

Diventa allora indispensabile per le aziende italiane (e per le autorità) avvalersi di test ambientali che rilevino la possibile presenza del virus sulle superfici di lavoro in modo da poter valutare l’efficacia del processo di sanificazione adottato secondo le linee guida fornite dall’Organizzazione Mondiale della Sanità (OMS), dal Governo e dagli altri Enti preposti al controllo.

 

In che modo la 3A Laboratori si è organizzata per supportare aziende e cittadini nella valutazione nell’applicazione di quanto richiesto?
Il laboratorio ha attivato un servizio di analisi allo scopo di verificare la presenza del virus su tamponi ambientali eseguiti in aree post sanificazione, avvalendosi di metodiche molecolari avanzate che permettono di rilevare anche minime tracce della presenza di genoma virale

Come è stato elaborato il servizio:

- fornitura del materiale per eseguire i tamponi autonomamente con facili istruzioni per il campionamento

- successiva consegna presso nostra sede dei campioni da analizzare o spedizione in modalità refrigerata da parte del cliente oppure ritiro dei campioni da parte del personale del laboratorio se concordato preventivamente

- analisi e spedizione del risultato dei test, tramite email

Naturalmente prefissando un apposito calendario di visita, i test possono essere programmati in maniera periodica o con l’esecuzione di tutte le fasi direttamente dai nostri tecnici specializzati nel campionamento.

Il prelievo mediante tamponi superficiali è effettuabile su maniglie, banchi di lavoro, utensili, giocattoli, attrezzature, dispositivi vari e in generale su qualsiasi superficie.

 

Norme e regolamenti sono in continua evoluzione.

E’ di estrema importanza poter documentare che si applicano elevati standard di sicurezza ambientale e si eseguono corrette procedure di pulizia, anche per il conseguimento di eventuali nuove certificazioni che potrebbero essere richieste nel prossimo futuro alle attività produttive e commerciali.

 

Conclusioni:

la ripresa delle attività lavorative comporta per le aziende e per gli Enti la necessità di garantire una corretta igiene e sanificazione dei luoghi e degli strumenti di lavoro. Il nostro laboratorio di analisi con i test eseguiti sui tamponi superficiali, può aiutarvi a verificare di aver operato al meglio anche contro la diffusione del coronavirus.

 

Wednesday, April 29, 2020

Test ambientali: un piccolo-grande passo in avanti nel contrasto alla diffusione di questo nuovo coronavirus.

Develop byKernel ©